· 

VALENCIA

FUGA DI DUE GIORNI NELLA CITTA' SPAGNOLA

 

Valencia è la terza città della Spagna per numero di abitanti, dopo Madrid e Barcellona.

Meta ambita da tantissimi turisti per il suo clima mediterraneo, la sua storia, il suo fascino.

Famosa per Las Fallas, la paella, l’orchata e la Ciutat de les Arts e les Ciencies.

Se andate lì non potete perdervi questi appuntamenti.

In questo articolo però voglio lasciarvi un piccolo itinerario di due giorni.

INDICE:

1. COME MUOVERSI IN CITTÀ;

                1.1. VALENCIA TOURIST CARD;

2. LA CIUTAT DE LES ARTS E LES CIENCIES;

3. BARRIO DEL CARMEN;

4. COSA VEDERE A VALENCIA;

1. COME MUOVERSI IN CITTA'.

 

Valencia è una città che ha tanto da offrire ai turisti che la visitano, ma gran parte delle principali attrazioni si trovano tutte vicine tra loro.
Dall’attrazione più a ovest fino a quella più a est, vedrete che la distanza è di 9 km circa.

Una città a “portata di mano”.

Valencia è una città da vivere e scoprire in ogni suo angolo. Per questo motivo, consiglio di visitare la città di Valencia a piedi o in bicicletta.

Attenzione però che potrebbe tornarvi utile la VALENCIA TOURIST CARD.

1.1. VALENCIA TOURIST CARD.

 

La Valencia Tourist Card è una card turistica valida per 24, 48 o 72 ore che vi permetterà di utilizzare tutti i mezzi di trasporto gratuitamente e avere riduzioni in alcuni ristoranti, spa, musei e tanto altro ancora.

 

Anche se Valencia è facilmente visitabile a piedi, il mio consiglio è quello di acquistare la VTC.

In questo modo avrete possibilità di salire a bordo della metro che dall’interno dell’aeroporto vi porterà in centro città tramite le linee 3 e 5.

 

Di seguito vi lascio la mappa scaricabile e stampabile delle Metro di Valencia.

 

Per maggiori informazioni visitate il sito di VALENCIA TOURIST CARD.

Download
MAPPA METRO VALENCIA
Scarica e portala in viaggio con te!
metro_map_valencia.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

Inoltre, con la VTC, avrete libero accesso ad alcune delle principali attrazioni della città, come la Torre de Serranos (ex porta d’ingresso della città) e la Lonja de la Seda (un tempo luogo di accese contrattazioni per la compravendita della seta, dal 1996 patrimonio dell’umanità dell’UNESCO). Basta presentare la card in biglietteria dove vi verrà rilasciato il ticket d’ingresso gratuito.

Oltre a queste due prime attrazioni, potete scegliere se visitare anche il Museo Fellaro, il Museo de Historia, Torres de Quart, l’Almoina e tanto altro. QUI troverete altre informazioni sulla VTC.

2.LA CIUTAT DE LAS ARTS E DE LAS CIENCES.

 

La Ciutat de las Arts e de las Ciences, conosciuta anche come “Cittadella” è sicuramente una tappa fondamentale per chi visita Valencia.

La Cittadella, si trova fuori dal centro città ed è quindi il punto di interesse più distante.

Essa sorge nei pressi del porto, all’interno di quello che una volta era il letto del fiume Turia.

Col tempo, grazie anche alla manodopera dell’uomo, il percorso del fiume è stato deviato ed oggi sorgono i Giardini del Turia.

Questo grande spazio verde, è tanto amato dai valenciani che cercano un po' di relax o che vogliono praticare un po' di sport.

 

La Cittadella comprende diverse strutture, tutte in stile futuristico.

 

Fanno parte del complesso:

-  Il Palau de les Arts;

-  L’Hemisferic;

L’Agorà;

Museu de les Ciencies;

L’Umbracle;

L’Oceanografic.

 

L’Oceanografico è una delle strutture più visitate dai turisti a Valencia, poiché ci si ritrova circondati da migliaia di pesci provenienti da ogni angolo del mondo.

Sarà facile ritrovarsi a fare una foto con una foca, incrociare gli occhi dolci di un beluga, ammirare uno spettacolo di delfini e passeggiare sotto la vasca degli squali.

Grazie al suo successo, l’Oceanografic è diventato simbolo della città.

Grazie alla VTC potrete usufruire del 10% di sconto sul prezzo del biglietto per l'ingresso al Palau de les Arts e del 15% per l'ingresso all'Hemisferic e all'Oceanogràfic Agorà.

 

3. BARRIO DEL CARMEN.

 

Come detto, Valencia bisogna viverla in ogni sua parte, soprattutto tra le stradine che si intersecano nel centro città dove scoprirete un vero e proprio museo a cielo aperto.

Infatti le stradine del Barrio del Carmen sono divenute famosa per la sua street art.

Il Barrio del Carmen è inoltre il luogo più storico e più vivo di Valencia. Frequentato giorno e notte da turisti e giovani ragazzi alla ricerca di un ristorante, di tapas, pub e negozi per lo shopping.

Per chi viene a Valencia, il Barrio è un luogo imperdibile.


4. COSA VEDERE A VALENCIA.

 

Valencia è piena di arte e cultura.

Tra i luoghi principali da visitare vi suggerisco la Torre de Serranos, la Lonja de la Seda, il Mercat Central, Plaza de la Reina, Plaza de los Toros (con la sua arena per la corrida), il Banco de Valencia (uno dei palazzi più antichi e a parer mio più belli della città), la Estrecha (la casa più stretta d’Europa con i suoi 107 cm), la Catedral de Valencia con la Capilla del Santo Graal, La casa de los Gatos (una piccola casetta ricreata su un muro del Barrio, in memoria dei gattini che morirono nell’alluvione del 1957 e per ospitare i gatti randagi che ogni giorno vengono curati dai vicini) e molto altro ancora.

 

 

Sono stati due giorni intensi e carichi di emozione.

Io mi sono innamorato di questa città. E voi?

Scrivi commento

Commenti: 8
  • #1

    Valentina (giovedì, 13 febbraio 2020 10:12)

    Molto interessante questa guida di Valencia, ci sono stata l'anno scorso ma solo due giorni e purtroppo non sono riuscita a visitare tutto quello che avrei voluto. Ci devo tornare assolutamente

  • #2

    Samuele (giovedì, 13 febbraio 2020 10:25)

    Tornaci.. Ne vale davvero la pena!

  • #3

    Nicoletta (giovedì, 13 febbraio 2020 12:35)

    Io stavo proprio pensando a un on the road in Spagna per quest' estate che includesse Valencia.. tutti consigli che sicuramente mi verranno utili:)

  • #4

    Marilu (giovedì, 13 febbraio 2020 18:33)

    Vorrei tanto andarci, la tua guida contiene tante informazioni utili, se prendo in considerazione l'idea ho diversi punti di riferimento �

  • #5

    Fabio (sabato, 15 febbraio 2020 12:25)

    Anche a me é piaciuta un sacco Valencia! Ma sai che La casa de los Gatos proprio mi mancava? Non la conoscevo!

  • #6

    Marilù (sabato, 15 febbraio 2020 18:34)

    Vorrei tanto andarci, la tua guida contiene tante informazioni utili, se prendo in considerazione l'idea ho diversi punti di riferimento

  • #7

    Cécile (domenica, 16 febbraio 2020 22:22)

    Grazie mille per questo articolo davvero molto dettagliato. Me lo sono salvato, a giugno abbiamo un matrimonio proprio a Valencia.

  • #8

    Anna (venerdì, 28 febbraio 2020 14:48)

    Sono stata a Valencia ormai più di 10 anni fa per un capodanno: sbagliatissimo perché gli spagnoli si spostano a festeggiare a Barcellona, ma d'altra parte perfetto per visitare! Ci siamo goduti una città semideserte e molto accogliente!